Risultati da 1 a 8 di 8

Discussione: Aggettivi temporali

  1. #1
    Cumulonimbus L'avatar di Storm93
    Data Registrazione
    11-05-2012
    Località
    Vedelago (TV)/ Povo (TN)
    Messaggi
    1012

    Aggettivi temporali

    E' possibile dare una suddivisione chiara, in base a determinati criteri, delle diverse intensità dei temporali? Soprattutto nelle previsioni talvolta è difficile capire, in maggior modo per gli estranei al settore, che differenza ci sia per esempio tra temporali forti, molto forti, o violenti. Non ho trovato niente di ufficiale, e stavo pensando se magari sia una buona idea inserire una specie di legenda nelle nostre previsioni. Vale la pena?

  2. #2
    Cumulonimbus L'avatar di stebel
    Data Registrazione
    11-05-2012
    Località
    Cologna Veneta (VR) 14m s.l.m
    Messaggi
    827
    Per me è una buona idea;)

  3. #3
    Amministratore L'avatar di Davidem
    Data Registrazione
    09-05-2012
    Località
    Montegrotto Terme
    Messaggi
    3489
    potrebbe essere una forma di chiarezza
    Dustin: Ehi Bill, che succede?
    Bill:.........si fa verde....
    Dustin:.........verdeggia.....
    Bill: Selliamo i cavalli!
    Dustin: Al volo capo! (Twister)

  4. #4
    Team Member L'avatar di bassopiave
    Data Registrazione
    10-05-2012
    Località
    Roncade/Silea - San Donà di Piave
    Messaggi
    1868
    Citazione Originariamente Scritto da Storm93 Visualizza Messaggio
    E' possibile dare una suddivisione chiara, in base a determinati criteri, delle diverse intensità dei temporali? Soprattutto nelle previsioni talvolta è difficile capire, in maggior modo per gli estranei al settore, che differenza ci sia per esempio tra temporali forti, molto forti, o violenti. Non ho trovato niente di ufficiale, e stavo pensando se magari sia una buona idea inserire una specie di legenda nelle nostre previsioni. Vale la pena?
    in qualche raro caso ho trovato pure la dicitura "debole temporale" (che significa?)

    in linea generale bisognerebbe identificare quali sono le caratteristiche che permettono di classificare un temporale! es:
    pioggia accumulata
    rain rate su un breve periodo (io sconsiglio il rr istantaneo, ha poco senso)
    la grandine: dimensioni ma anche durata dell'evento
    raffiche di vento
    eventi vorticosi
    flash flood (legati magari al lento movimento del temporale o alla rigenerazione in un luogo)
    altro... (struttura del temporale? top del temporale? riflettività massima sulla colonna? inclinazione dell'asse?...)
    classificazione del temporale in base ai danni al suolo? (dalla domanda fatta è un'ipotesi da scartare...)

    cosa prendere? come classificare?

  5. #5
    Cumulonimbus L'avatar di Storm93
    Data Registrazione
    11-05-2012
    Località
    Vedelago (TV)/ Povo (TN)
    Messaggi
    1012
    Io direi che basterebbe fare una distinzione in base ai fenomeni più frequenti/utili, soprattutto perchè rivolto a un pubblico ampio e quindi non specializzato. Così su due piedi penso a rain rate, flash flood (con i relativi rischi idrogeologici), grandine (dimensione), vento (raffiche massime probabili), eventi vorticosi (quest'ultima da usare con le pinze). Poi la parte difficile è appunto classificare, ma penso possa venire fuori qualcosa di ben fatto

  6. #6
    Moderatore L'avatar di fatur
    Data Registrazione
    10-05-2012
    Località
    Torbe di Negrar 450 m slm
    Messaggi
    2724
    anche secondo me è molto difficile, e ho dei dubbi sull'utilità di queste classificazioni...
    in realtà la cosa che caratterizza un ts è l'attività elettrica e quindi sarebbe eventualmente quello il metro...
    o forse la potenza sviluppata.... ma non sono cose semplici da misurare...
    si possono classificare le cose semplici, come il vento, gli accumuli, ma sono già misurati dalla stazione e questo mi basta...
    misurare e classificare eventi complessi con tanti elementi dentro, è difficile e non so quanto sensato...
    se un ts fa 50 mm dirò che è produttivo in termini precipitativi...
    se fa 70 km/h di vento dirò che è ventoso...
    se fa molti fulmini dirò che ha forte attività elettrica...
    mettere insieme tutto in un'unica scala di grandezza ha davvero senso?

  7. #7
    Cumulonimbus L'avatar di Storm93
    Data Registrazione
    11-05-2012
    Località
    Vedelago (TV)/ Povo (TN)
    Messaggi
    1012
    Io parlo solo ed esclusivamente delle previsioni, non del dopo. Ad esempio che differenza c'è tra prevedere la possibilità di un temporale forte e uno violento?

  8. #8
    Moderatore L'avatar di fatur
    Data Registrazione
    10-05-2012
    Località
    Torbe di Negrar 450 m slm
    Messaggi
    2724
    Citazione Originariamente Scritto da Storm93 Visualizza Messaggio
    Io parlo solo ed esclusivamente delle previsioni, non del dopo. Ad esempio che differenza c'è tra prevedere la possibilità di un temporale forte e uno violento?
    secondo me no...
    perchè sono definizioni che non hanno carattere di ufficialità, e quindi sono interpretabili soggettivamente...

    se guardi estofex per esempio, vedrai che pala di large hail, wing gusts, cape, ecc cioè tutte cose misurabili singolarmente, non nell'insieme...
    al limite parla di tornadoes, perchè è un fenomeno che appunto ha una sua classificazione e casistica..
    certo poi alla fine mette il numeretto, 1, 2 ecc che riguarda il "severe wheather" che non so come sia misurato nell'insieme, e non mi risulta ci sia una classificazione in tal senso dell'OMM... se qualcuno ne sa di più posti pure in questo 3D...

    es. tra un ts che fa 10 mm e raffiche a 100 km/h buttando giù alberi, e uno che fa 50 mm con rr di 200 e grandine, qual'è il più forte? e il più violento? boh, è soggettivo...
    mettere su un'unica scala grandezze diverse è complicato...

    è come il discorso estremizzazione, c'è chi dice che 20 gradi in meno in 24 ore (sab-dom scorsi) sia dovuto all'estremizzazione del clima, e c'è chi dice che da -15 in febbraio a +25 in marzo sia lo stesso fenomeno, chi dice che le differenze prp notevoli tra un anno e l'altro, pure è estremizzazione ...

    nella meteorologia la definizione esatta di una cosa è fondamentale, la scala EF è d'esempio, sennò diventa tutto troppo soggettivo....

Tag per Questa Discussione

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •